Arriva il Decreto di adeguamento al Regolamento UE della Privacy

Arriva il Decreto di adeguamento al Regolamento UE della Privacy

11/09/2018

Il Decreto, che sarà in vigore dal 19 settembre 2018 e previsto già dalla Legge di Delegazione europea 2016-2017 apporta numerose modifiche e abrogazioni al Codice in materia di protezione dei dati personali (decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, di seguito "Codice") che ora viene armonizzato alle nuove regole del Regolamento.

Le modifiche del Decreto 101/2018 riguardano tutte e tre le Parti del Codice e sono contenute negli artt. 1-16. Seguono nell'art. 17 le modifiche al Decreto legislativo 1° settembre 2011, n. 150 (viene sostituito l'art.10 del Codice - Controversie in materia di applicazione delle disposizioni in materia di protezione dei dati personali). Invece, gli artt. 18-26 sono disposizioni transitorie e finali e finanziarie nonché riferimenti alle sanzioni amministrative alle violazioni anteriormente commesse (art.24).

Quali le novità introdotte dal decreto?

  • Nuova soglia età (14 anni, invece di 16) a partire dalla quale il minore potrà autorizzare al trattamento dei dati personali su internet (per i minori di 14 anni occorre il consenso di chi esercita la responsabilità genitoriale). La modifica è contenuta nel nuovo Art. 2-quinquies (Consenso del minore in relazione ai servizi della società dell'informazione) del Codice. L'articolo fa parte a sua volta del nuovo Capo II (Principi) della Parte I del Codice, introdotto dopo l'art. 2 bis e che contiene 15 nuovi articoli (dal 2 ter al 2 spetiesdecies).
  • Le nuove Definizioni contenute nel nuovo art. 2 ter; "Si intende per: 
    • "comunicazione", il dare conoscenza dei dati personali a uno o piu' soggetti determinati diversi dall'interessato, dal rappresentante del titolare nel territorio dell'Unione europea, dal responsabile o dal suo rappresentante nel territorio dell'Unione europea, dalle persone autorizzate, ai sensi dell'articolo 2-quaterdecies, al trattamento dei dati personali sotto l'autorita' diretta del titolare o del responsabile, in qualunque forma, anche mediante la loro messa a disposizione, consultazione o mediante interconnessione; 
    • "diffusione", il dare conoscenza dei dati personali a soggetti indeterminati, in qualunque forma, anche mediante la loro messa a disposizione o consultazione.