Ancora morti sul lavoro: tragedia a Taranto

Ancora morti sul lavoro: tragedia a Taranto

13/11/2018

Tragedia questa mattina a Taranto. Erano da poco passate le 8.00, quando in via Galeso, nel quartiere Tamburi, due operai di una ditta che si occupa della ristrutturazione della facciata di un edificio della zona, sono caduti dal carrello montato sul camioncino gru sulla quale stavano lavorando. L’incidente sarebbe avvenuto forse a causa della rottura di un gancio. La caduta è avvenuta ad una altezza di almeno una decina di metri e l’impatto con l’asfalto per i due è stato fatale. Inutili, infatti, i tentativi di rianimazione degli operatori sanitari del 118.

I due sono deceduti a seguito dei gravi traumi riportati nell’ incidente. Sul posto sono intervenuti anche polizia di Stato, carabinieri e Vigili del fuoco, oltre al personale dello Spesal, la struttura dell'Asl che si occupa di sicurezza sul lavoro.

Secondo notizie non confermate, le vittime sarebbero padre e figlio. Stando alle prime ricostruzioni, si sarebbe spezzato il braccio che solleva il cestello per consentire di intervenire all'altezza del piano di lavoro. Gli inquirenti hanno già cominciato gli accertamenti per capire la situazione dell’impresa e se i due operai deceduti fossero o meno imbragati con la cintura di sicurezza mentre si trovavano sulla piattaforma di elevazione.

Ancora una volta si evidenzia l’inadeguatezza dei sistemi di prevenzione. Ma anche delle misure necessarie per garantire l’incolumità e la sicurezza dei lavoratori.

Unasf Conflavoro PMI esprime la sua vicinanza alle famiglie delle vittime e ci tiene a ribadire quanto sia necessario continuare a lavorare affinché si raggiunga un livello di formazione e prevenzione che favorisca il mantenimento di ambienti di lavoro sani e sicuri.