Giornata Mondiale per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro

28/04/2017

Il 28 aprile è la Giornata Mondiale per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro. Il tema di quest'anno è "ottimizzare la raccolta e l'utilizzo dei dati relativi alla sicurezza e alla salute sul lavoro".


I dati affidabili e di alta qualità sono essenziali sia a livello di posto di lavoro che a livello di politica per assicurare che siano prese le decisioni corrette per garantire la protezione continua dei lavoratori.


Nel 2015 è stato pubblicato un interessante studio sulle sfide poste dai responsabili politici in materia di sicurezza e salute dei lavoratori in seguito a dati inadeguati, valutando la segnalazione delle lesioni personali nella regione del Mar Baltico sottotitolato "Ciò che non è stato segnalato va inalterato", la relazione ha esaminato l'incidenza di incidenti mortali e non fatali, rilevando che un elevato tasso di lesioni fatali fatali in combinazione con un basso tasso di infortuni sul lavoro non fatale suggerisce che gran parte del lavoro non fatale le lesioni sono rimaste non registrate. I risultati delle analisi dell'ordine di grandezza indicano che in diversi Paesi del Mar Baltico era probabile che non si fosse sottovalutato gli incidenti di lavoro non fatali.


La relazione rileva che "a seguito di una grave sottovalutazione delle infortuni sul lavoro, i decisori di molti paesi possono disporre di informazioni statistiche gravemente ingannevoli quando fissano obiettivi politici, stimano perdite economiche o definiscono le priorità nell'ordine del giorno nazionale".


La mancanza di dati di qualità può anche essere un problema a livello di posto di lavoro.

La piccola dimensione della maggior parte delle imprese può significare che mancano dati di incidente per il datore di lavoro da prendere in considerazione e i dati di malattia possono apparire solo a lungo dopo che il lavoratore è stato esposto a pericolo.

I datori di lavoro devono avere indicatori forti e affidabili sulle prestazioni di salute e sicurezza.


Questi KPI (indicatori di performance chiave) devono essere rilevanti per il gestore, rilevanti per la sicurezza sul lavoro e le prestazioni sanitarie ed essere trasmissibili.


Per quanto riguarda il gestore, i KPI devono essere utili come base per il processo decisionale. Questi possono essere indicatori di ritardo (prestazioni passate), quali dati sulla frequenza degli incidenti o indicatori principali (predittivi), come il numero di ispezioni sul posto di lavoro, la percentuale di lavoratori con adeguata formazione OSH.


Gli indicatori devono essere chiaramente pertinenti per la sicurezza e la salute sul lavoro. Possono essere quantitativi o semiquantitativi, relativi a rischi, rischi, esposizioni e attività preventive. Questi indicatori possono essere basati sui risultati della valutazione dei rischi, come l'identificazione delle sostanze utilizzate e le esposizioni dei lavoratori, o l'esame dell'ergonomia delle stazioni di lavoro.


Infine, i KPI devono essere trasmissibili e utilizzabili, per prendere decisioni da comunicare ai lavoratori e ai dirigenti per quale motivo vengono intraprese azioni.

Questa necessità di comunicabilità può portare all'utilizzo di indicatori semplici, ma questi non possono riflettere la complessità del sistema di gestione della sicurezza e della salute sul lavoro.


Ciò che è chiaro è che tutti i decisori nella sicurezza e salute sul lavoro, a livello di politica o livello di lavoro, richiedono dati decenti per assicurare un lavoro dignitoso e che tali dati possano essere difficili da identificare e accedere.

Questa sfida deve essere affrontata da tutti i professionisti del settore Sicurezza e Salute sul Lavoro.


Fonte: https://osha.europa.eu/it