Lavoro

Una giovane mamma di 22 anni muore in una fabbrica tessile a Prato dopo essere finita nell’ingranaggio dell’orditoio.

Nemmeno il tempo di celebrare la Festa del Lavoro che la lista delle vittime di infortuni sul luogo di lavoro si allunga. A farne le spese una 22enne di Pistoia, morta in una fabbrica tessile di Montemurlo.  La giovane operaia, dipendente da un anno dell’azienda Orditura Luana, è finita dentro l’ingranaggio dell’orditoio, la macchina che permette di preparare la struttura verticale della tela che costituisce la trama del tessuto. Accanto a lei era presente un collega che ha affermato di non aver udito grida di aiuto. 

A nulla è valso il celere intervento dei soccorsi

L’allarme è scattato subito, con l’intervento di vigili, carabinieri e sanitari che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Sono intervenuti anche i tecnici della Asl Toscana centro: hanno posto sotto sequestro il macchinario e l’area circostante per la verifica dei dispositivi di sicurezza.

Tra Pistoia e Prato è il secondo infortunio mortale in un’azienda tessile quest’anno

Questo incidente sul lavoro si somma a quello del 2 febbraio scorso che ha visto coinvolto Sabri Jaballah 23 anni, che ha perso la vita schiacciato da una pressa a Montale. Unanime il cordoglio di Associazioni e Istituzioni. Si dice “sgomento” il sindaco di Montemurlo, Simone Calamai: “Covid e pandemia rischiano di farci perdere di vista il problema delle morti sul lavoro”.

Gli interventi del sindaco di Pistoia e del governatore Eugenio Giani

Di “grande senso di ingiustizia, di rabbia e dolore immenso” parla Alessandro Tomasi, sindaco di Pistoia, il cui pensiero “va alla madre e al padre di questa ragazza, al figlio piccolo che lascia e al fratello”. “Non si può morire sul lavoro a nessuna età”, le parole del governatore Eugenio Giani secondo cui questa tragedia “chiama ancora una volta alla responsabilità di tutti”.


La tua sicurezza passa dalla formazione! Scopri di più

Come possiamo aiutarti?